PICCOLI COMUNI del WELCOME

Chi Siamo

La Rete

La Scuola

Il Camper

Azioni

Eventi e News

“In alcuni luoghi, rurali e urbani, la privatizzazione degli spazi ha reso difficile l’accesso dei cittadini a zone di particolare bellezza; altrove si sono creati quartieri residenziali “ecologici” solo a disposizione di pochi, dove si fa in modo di evitare che altri entrino a disturbare una tranquillità artificiale. Spesso si trova una città bella e piena di spazi verdi ben curati in alcune aree “sicure”, ma non altrettanto in zone meno visibili, dove vivono gli scartati della società”

Francesco (Laudato Sii, 45)

I Comuni del Welcome

Spedizione Nonviolenta in Ucraina

cerchiamo cinquemila volontari per operazioni di evacuazione

Pollicino e il Colibrì. Cerchiamo nuovi Piccoli Comuni del Welcome per emergenza Ukraina

Guerra in Ukraina. Quarantacinque piccoli Comuni italiani, i “Piccoli Comuni del Welcome”, la Fondazione “Mario ed Anna Magnetto” e la Rete di Economia civile “Sale della Terra” si uniscono per un progetto di accoglienza diffusa e integrata per i profughi ucraini.
Per le donne, gli anziani, ma soprattutto per i bambini e le bambine che stanno fuggendo dal confilitto in Ukraina, si punta ad una accoglienza che programmi una vita di “transito” per il breve e medio periodo oppure accompagni ad elaborare un progetto migratorio vero e proprio che consenta ai profughi di stabilire la propria residenza qui in Italia, nei piccoli borghi che hanno fatto “del Welcome” un metodo e un modello di accoglienza.
Per far avanzare la pace, a partire dai “piccoli” e da un’accoglienza che si fa “sistema” e non solo generosa disponibilità.

Si chiama “Pollicino fugge dalla guerra” ed è un progetto nato nell’urgenza di “fare qualcosa” per portare soccorso ai cittadini Ukraini sorpresi e colpiti dalla guerra mossa dalla Russia al loro Paese.

Tre, i partner che si sono uniti “nel nome di Pollicino”: la Fondazione Mario ed Anna Magnetto; la Rete italiana dei Piccoli Comuni del Welcome e la Rete italiana di Economia civile Sale della Terra, le ultime due impegnate dal 2014 nelle pratiche di accoglienza diffusa attraverso la progettazione personalizzata e la promozione della cooperazione di comunità.

Il progetto Pollicino fugge dalla guerra prende le mosse dall’esperienza dei Piccoli Comuni del Welcome, dalla buona pratica di accoglienza della Rete SAI (Sistema Accoglienza Integrazione) di ANCI e Ministero dell’Interno nell’Italia dei piccoli centri urbani, consapevoli che questa accoglienza sia in buona parte diversa da quella realizzata in precedenza dal sistema CAS (Centri di Accoglienza Straordinaria).

Nell’accoglienza di profughi siriani, kurdi, afghani, migranti nordafricani, centroafricani ed asiatici, infatti, i 45 Piccoli Comuni della Rete hanno sperimentato il “metodo” e il “modello” del “welcome”: la costruzione di un modello di sviluppo locale imperniato su un “welfare che diventa Welcome”, con cui rigenerare le comunità rurali colpite da spopolamento ed invecchiamento, divenute improvvisamente meta, non ricercata, di nuovi flussi demografici.

La storia del popolo ukraino in fuga dalla guerra ripete quella dei popoli cacciati dalle loro case con la violenza: i cittadini di Kijv, di Mariupol o di Odessa non avevano un progetto migratorio.

La guerra li ha colti di sorpresa e di sicuro ognuno di loro ha forte il desiderio di tornare nella propria patria, nella propria città, nella propria casa il più presto possibile.

Durante i primi giorni del conflitto, a Benevento, Angelo Moretti, Presidente di Sale della Terra e portavoce dell’Alleanza italiana “Per un Nuovo Welfare”, insieme ai Sindaci dei Piccoli Comuni del Welcome comincia ad organizzare gli aiuti alla popolazione Ukraina.

Intanto, a Kielce, in Polonia, un imprenditore italiano sta trasformando la propria azienda in una struttura umanitaria di prima accoglienza. Insieme alla direttrice del suo stabilimento, l’imprenditore organizza viaggi alla frontiera di Medyka, accoglie profughi in auto, li porta nell’albergo cittadino di Kielce, li cura dalle esigenze quotidiane e li aiuta a trasferirsi in Italia o altrove. Ma sa bene di dover essere aiutato per far proseguire l’opera nei prossimi mesi.

Benevento e Kielce si incrociano grazie alla Congregazione “Figlie della Carità” che li mette in contatto: Sale della Terra e i Piccoli Comuni del Welcome decidono così di aiutare i profughi accolti dalla Fondazione Magnetto. Sale della Terra, in particolare, decide di stanziare una sua piccola missione nella città polacca, a 200 km dalla frontiera.

Durante la permanenza a Kielce, attraverso gli scambi con i volontari della Fondazione e l’ascolto del desiderio dei profughi di tornare quanto prima in casa, nasce il progetto Pollicino fugge dalla guerra. Accogliere i Piccoli per far avanzare la pace.

Il progetto è ispirato ai bambini che hanno varcato la frontiera, ai loro occhi, i loro zaini in spalla, i loro peluche protetti sotto il braccio e i loro sorrisi accennati appena passato il varco.

Tutti ricordiamo la favola di Pollicino, il bambino allontanato dalla sua casa che tira fuori ingegno e determinazione per farvi ritorno.

Nel mezzo dei milioni di profughi che hanno trovato e troveranno rifugio in Europa (oggi sono già tre e si prevede di arrivare ad almeno 5 milioni), la Rete dei Piccoli Comuni del Welcome, aiutata in Polonia e in Italia dalla Fondazione Magnetto e dal Consorzio Sale della Terra, intende contribuire alla pace mondiale, ispirandosi anche ad un’altra favola, questa volta africana, quella del Colibrì che di fronte ad un incendio di vaste dimensioni si impegna a portare un po’ di acqua nel becco ed a chi lo sbeffeggia risponde orgoglioso “faccio la mia parte”!

Grazie a questo partenariato inedito tra Polonia ed Italia ognuno farà la propria “piccola parte” affinché i tantissimi piccoli Pollicino trovino accoglienza in Italia, coltivando il sogno di far tornare la pace dove i grandi hanno fallito.

Come si svolgerà il progetto

Il Progetto punta:

  • a garantire una prima accoglienza in Polonia, in emergenza ma di qualità e per brevi tempi
  • a velocizzare le pratiche di relocationdei profughi in sistemi di buona accoglienza, garantendo in Polonia vitto, alloggio e transfert verso un paese di destinazione a scelta;
  • a ridurre i disagi logistici, psicologici ed esistenziale dei profughi
  • a non sradicare i profughi dalle loro terre, sostenendone una narrazione di “congiuntura” tra la vita prima dell’aggressione e quella successiva, con particolare attenzione ai bambini e alle bambine
  • a mantenere una costante mediazione linguistica e culturale per evitare il sentimento di “sradicamento” esistenziale subito a seguito dell’aggressione
  • ad elaborare una progettazione personalizzata per l’integrazione nei contesti italiani della buona accoglienza, in particolare all’interno della Rete dei Piccoli Comuni del Welcome

I Piccoli Comuni del Welcome al momento hanno deciso di partecipare tutti insieme all’Avviso pubblico di estensione dei posti SAI deciso dal Governo italiano e che scade il 16 aprile 2022.

I Piccoli Comuni del Welcome che non sono ancora nel Sistema Accoglienza Integrazione di Anci intendono aderirvi al più presto.

Ma quarantacinque Piccoli Comuni non basteranno per i numeri biblici dell’esodo della popolazione Ukraina.

Chiediamo, pertanto, a tutti i Piccoli Comuni, cioè quelli sotto i 5000 abitanti di ogni regione d’Italia – di unirsi alla nostra Rete per accogliere le bambine e i bambini costretti dalla guerra ad abbandonare le loro case.

Chiediamo ai Sindaci dei Piccoli Comuni italiani di diventare “Colibrì” e fare ognuno la propria piccola parte per riscrivere, in chiave moderna, la favola dei tanti “Pollicino” che stanno scappando dalla guerra.

La grande e generosa accoglienza di questi giorni potrebbe trasformarsi in un grande caos nei prossimi mesi se non sarà gestita da un sistema sperimentato e di eccellenza come l’accoglienza diffusa del SAI di ANCI e Ministero dell’Interno.

 

ADESIONI AL PROGETTO:

email: comunicazione@piccolicomuniwelcome.it

telefono: +39 333 226 9134

SCARICA QUI LA BROCHURE DEL PROGETTO

 

Eventi e News

CER. Comunità tra sole e vento.

CER. Comunità tra sole e vento.

Le comunità energetiche rinnovabili (CER) consentono l’autoproduzione e la condivisione di energia da fonti rinnovabili da parte di più soggetti e...

La deterrenza non è una vittoria

La deterrenza non è una vittoria

di Angelo Moretti Avevamo iniziato da un’oretta il nostro piccolo summit tra società civile ucraina e società civile italiana per parlare di...

Roseto in JAZZ’INN.

Roseto in JAZZ’INN.

Roseto Capo Spulico, il Comune della Sindaca Rosanna MAZZIA, è stato scelto per ospitare la sesta edizione del Jazz’Inn, un evento che si terrà dal...

IL LAVORO DECENTE, THE DECENT WORK

IL LAVORO DECENTE, THE DECENT WORK

«Qualsiasi forma di lavoro presuppone un’idea sulla relazione che l’essere umano può o deve stabilire con l’altro da sé»Papa Francesco, Laudato si'...

Social Wall

🗳 Al voto 13 #piccolicomuni del #welcome in tutta Italia.
Programmi di governo ispirati ad azioni inclusive ed accoglienti, che guardano ad un ecosistema green, a scelte politico-economiche sostenibili. Buon cammino!
#piccolicomuni #welcome #comunali2022

Perché i #piccolicomuni del #welcome sono anche comunità energetiche.
#Roma @FraTroiano @PecoraroScanio #15May
#greeneconomyy #GreenEnergy

《Non una mera celebrazione, ma una occasione per riflettere sulla strada fatta e sulla direzione da intraprendere》: @MattBiff Ventennale Sistema @rete_sai
@comuni_anci #anci
#piccolicomuni #welcome #perunnuovowelfare
Qui il messaggio di Biffoni ⤵️
https://youtu.be/dIhNMXjxql8

Su @CorriereBN le cartoline della pace di Sante Marie.
#piccolicomuni #welcome #UkraineRussianWar #10maggio
#Ukraine #abruzzo @BerardinettiL
Leggi ⤵️
https://tinyurl.com/yn4hpfz3

Biccari. Con Domenico Gambacorta @gianfmignogna @SudECoesione parliamo di @areeinterne ebdi #PNRR per le aree interne e per le università @AgenziaCoesione su ecosistemi innovazione #piccolicomuni #welcome @mara_carfagna #puglia

A Sassinoro il Bar Centrale ha riaperto dopo anni. Grazie alla Cooperativa di Comunità Conlaboro e ad un Sindaco Welcome. E ad una accoglienza che parte dal Sistema SAI.
#piccolicomuni #welcome @CComunita @ConilSud #maggio #RefugeesWelcome

4

🔵 Oggi a Biccari: 𝐎𝐬𝐩𝐢𝐭𝐚𝐫𝐞 𝐟𝐚 𝐛𝐞𝐧𝐞. 𝐋𝐚 𝐬𝐭𝐫𝐚𝐭𝐞𝐠𝐢𝐚 𝐝𝐞𝐥𝐥'𝐚𝐜𝐜𝐨𝐠𝐥𝐢𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐜𝐨𝐧𝐭𝐫𝐨 𝐥𝐨 𝐬𝐩𝐨𝐩𝐨𝐥𝐚𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨.
Il nostro #welcome, insomma!
Con @ComuniVirtuosi @coopbiccari @gianfmignogna
⤵️ #piccolicomuni #Puglia
https://piccolicomuniwelcome.it/7020-2/

Oggi si apre un bar, a Sassinoro.
Oggi si recupera un "luogo" di comunità. A farlo, una cooperativa di comunità formata da italiani e persone migranti. Si chiama "welcome" ed è il nostro "metodo di politica dei territori".
#piccolicomuni #welcome #5maggio

🔗 Piccoli #Comuni: aperte le #candidature per accedere al “Fondo #assunzioni del #PNRR .

Per i Comuni sotto i 5mila abitanti si è aperta il 2 Maggio la possibilità di inoltrare le candidature 🔎 https://www.entilocali-online.it/piccoli-comuni-aperte-le-candidature-per-accedere-al-fondo-assunzioni-pnrr/

#RigenerazioneUrbana
💡Domani alle 11 l'evento @Legambiente "I Borghi alla sfida delle comunità energetiche"
🤝Il tema: le opportunità del #PNRR per creare economie di comunità
🎙️Partecipa il responsabile @CComunita @p_scaramuccia
Per seguire la diretta📺https://www.youtube.com/watch?v=Rm70RRlwItc

📢Pubblicato sul nostro canale #youtube il video dell'evento di presentazione della #PiattaformaEASY, lo strumento a supporto degli investimenti comunali di IFEL e @comuni_anci.

Scopri #easy qui▶️https://bit.ly/398dt6c

Guarda il video qui👇
https://youtu.be/1ta1LpUhLCs

At #Urban7 Mayors Summit: "Embracing the #Urban World: Cities as Drivers of Change for #Peace, #Democracy and #Sustainability".
@DarioNardella Mayor #Firenze
@comuni_anci @GlobalPayInc @LeolucaOrlando1

🔴 𝗔𝗭𝗜𝗢𝗡𝗘 𝗡𝗢𝗡𝗩𝗜𝗢𝗟𝗘𝗡𝗧𝗔 𝗜𝗡 𝗨𝗖𝗥𝗔𝗜𝗡𝗔 - Per aderire al progetto 𝗠𝗘𝗔𝗡 - 𝗠𝗼𝘃𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗘𝘂𝗿𝗼𝗽𝗲𝗼 𝗱𝗶 𝗔𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗡𝗼𝗻𝘃𝗶𝗼𝗹𝗲𝗻𝘁𝗮 e partecipare alla nostra marcia ⬇️
https://perunnuovowelfare.it/movimento-europeo-di-azione-nonviolenta/
#Ukraine #Ukraina #PrimoMaggio2022 #1MAYIS

Beatificazione di #ArmidaBarelli, dal Duomo di Milano, la celebrazione presieduta dal cardinale Marcello Semeraro, prefetto della @CauseSanti, in rappresentanza di #PapaFrancesco

Oggi #30aprile ore 10 in diretta su #Tv2000

@Unicatt @chiesadimilano @ComuneMI @AC1868

@AngeloMoretti40 @Avvenire_Nei @rbonacina @Andrea_Donega @comuniwelcome @siamonoitv2000 @GoffredoB @paoloruffini2 @Pontifex_it @italyinukr @NunciatureKyiv 🔴qui per editoriale completo ⤵️
https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/dobbiamo-fare-di-pi
🔴 qui per leggere il progetto⤵️
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/l-onda-dei-volontari-disarmati
🔴 qui per aderire e partire con noi
⤵️
https://perunnuovowelfare.it/movimento-europeo-di-azione-nonviolenta/
---
#ukraina #war #ukraine #abbraccioperlapace @Avvenire_Nei A @bancaetica sostienici!

Con Nadan Petrovic, Riccardo Compagnucci e Salvatore Ippolito, ripercorriamo la storia dell'accoglienza e dei sistemi di accoglienza in Italia. E del sistema di espulsione degli stranieri. @rete_sai #27aprile
#Palermo con @AnciSicilia @AngeloMoretti40

4

#Palermo Stiamo cominciando!
Con @AnciSicilia per parlare di Cooperative di Comunità @CComunita come outcome del nostro #EssereWelcome @ConilSud
La Rete dei Piccoli Comuni del Welcome si presenta alla rete dei Comuni SAI siciliani @rete_sai @comuni_anci @MattBiff #27aprile

Domani con @AnciSicilia parliamo di accoglienza, sistema @rete_sai e @CComunita
@ilSicilia @AnsaSicilia @Scomunicando @98zerocom @LegacoopN @Telesud_
#piccolicomuni #welcome #sicilia #Palermo @LeolucaOrlando1
Leggi tutto qui ⤵️ https://piccolicomuniwelcome.it/palermo-con-anci-sicilia

Load More...
Cover for Piccoli Comuni del Welcome
2,178
Piccoli Comuni del Welcome

Piccoli Comuni del Welcome

Questa è la pagina che racconta la storia del “Manifesto per una Rete dei Piccoli Comuni del Welc

🏥 Biccari è stata scelta dalla Regione Puglia come sede di una delle Case di Comunità finanziate dal PNRR. Sarà fornita di 10-15 ambulatori per viste, consulti, analisi e servizi diagnostici di base, con 5 amministrativi, 10 medici e 8 infermieri.🩺 È prossimo l'avvio di un altro progetto già finanziato da Fondazione CON IL SUD che, in partnership con Croce Rossa, Asl di Foggia, prevede servizi di vicinato, assistenza domiciliare e telemedicina per anziani e persone fragili da prendere in carico. Grande lavoro di squadra! Grande lavoro "del Welcome" del Sindaco Gianfilippo Mignogna - melascrivo.it.--#piccolicomuni #welcome Cooperativa di Comunità Biccari Comune di Biccari (Fg) Biccari ... See MoreSee Less
View on Facebook
🗳 Sono tredici i nostri Piccoli Comuni del Welcome che andranno alle urne per le elezioni #comunali2022.1. Aragona2. Chianche 3. Ciminna4. Comitini5. Feltre6. Jelsi7. San Bartolomeo in Galdo 8. Sassinoro 9. Ventotene10. Altofonte11. Roseto Valfortore 12. Piana Degli Albanesi 13. Molinara Auguriamo alle comunità chiamate al voto di vivere questa campagna elettorale come momento di costruzione democratica e partecipata di un governo "del welcome", ispirato fattivamente ad azioni inclusive e accoglienti verso le persone; a progettazioni che guardino ad un ecosistema green; a scelte politico-economiche sostenibili.--- #piccolicomuni #welcome ... See MoreSee Less
View on Facebook
𝗟𝗮 𝗯𝘂𝗼𝗻𝗮 𝗲𝗻𝗲𝗿𝗴𝗶𝗮 𝗱𝗲𝗶 𝗽𝗶𝗰𝗰𝗼𝗹𝗶 𝗕𝗼𝗿𝗴𝗵𝗶Le comunità energetiche rinnovabili (CER) consentono l’autoproduzione e la condivisione di energia da fonti rinnovabili da parte di più soggetti e rappresentano un’opportunità, finalmente realizzabile nel nostro Paese, di uscire dalla dipendenza dalle fossili partendo dal basso e dare gambe alla transizione energetica.Una rivoluzione energetica in atto particolarmente interessante per i piccoli comuni. Il PNRR prevede infatti ben 2,2 miliardi di euro da destinare allo sviluppo di comunità energetiche per i Comuni sotto i cinquemila abitanti, definendo criteri e modalità per la concessione di finanziamento a tasso zero, attraverso la realizzazione di impianti di produzione di rinnovabili anche abbinati a sistemi di accumulo di energia. Un’opportunità che proietta i borghi italiani nel futuro.𝗜𝗹 𝘁𝗮𝘃𝗼𝗹𝗼 𝗱𝗶 𝗰𝗼𝗻𝗳𝗿𝗼𝗻𝘁𝗼Di questo si è parlato in un incontro a Roma, nella sala conferenze del palazzo Theodoli-Bianchelli, presenti Francesca Troiano, parlamentare, che ha organizzato un confronto sul tema “Autonomia e indipendenza energetica: la sfida in campo”, al quale hanno partecipato, tra gli altri, anche Chicco Testa e Alfonso Pecoraro Scanio. Tra i Sindaci italiani che hanno dato vita alle Comunità Energetiche, presente anche Lucilla Parisi, Sindaca di Roseto Valfortore, Piccolo Comune del Welcome pugliese.«L’energia è il tema dei temi sul quale siamo tutti chiamati a riflettere con grandissima attenzione e senso di responsabilità. Polemizzare sulle cose non fatte o fatte male serve a poco, i cittadini chiedono risposte e la politica ha il dovere di organizzare le risposte alle legittime attese dei cittadini», ha detto Francesca Troiano.𝗟𝗲 𝗰𝗼𝗺𝘂𝗻𝗶𝘁𝗮̀ 𝗱𝗲𝗹 𝗠𝗲𝘇𝘇𝗼𝗴𝗶𝗼𝗿𝗻𝗼Sicuramente il tema centrale è quello euromediterraneo non solo dal punto di vista energetico, è stato detto durante il confronto: il Mediterraneo, infatti, è la vera sfida politica che l’Italia e l’Europa devono vincere insieme. Ma grande attenzione va naturalmente rivolta anche alle aree interne dell’Appennino italiano, soprattutto ai Piccoli Comuni, vero motore dello sviluppo eolico realizzato in questi due decenni. È proprio nei Piccoli Comuni del Mezzogiorno che si sta diffondendo l’esperienza delle CER (Comunità Energetiche Rinnovabili). Il territorio del Sud ha un “sistema” molto ricco di relazioni territoriali: sole e vento rappresentano dunque il “capitale” che unisce le diverse comunità, spingendole a condividere e redistribuire questa enorme ricchezza immateriale.𝗥𝗼𝘀𝗲𝘁𝗼 𝗩𝗮𝗹𝗳𝗼𝗿𝘁𝗼𝗿𝗲Proprio su questa capacità è intervenuta la Sindaca Lucilla Parisi: «Le piccole comunità energetiche possono diventare laboratori di start-up, perché sono esempi di buone pratiche che potrebbero dare tanto»Il territorio del Comune di Roseto Valfortore è orograficamente vocato per la produzione di energia, tra alte colline, boschi e antichi mulini ad acqua sul fiume Fortore.Roseto può ospitare piccoli impianti alimentati da fonti rinnovabili, anche utilizzando altre tecnologie oltre l’eolico, per autoconsumo (prosumer) e per il mercato.Ma per la nascita delle CER c’è la nota dolente e la Sindaca Parisi non esita a rinforzare il tono: «La burocrazia con le sue lungaggini ci danneggerà anche sulle possibilità che il PNRR offre: bisogna pensare ad una legiferazione ad hoc per le realtà cosiddette "minori"», sostiene la Parisi. E su autonomia ed indipendenza economica: «Abbiamo la reale possibilità di raggiungere questa autonomia in modo sinergico tra pubblico e privato. Le CER – ha concluso la Sindaca Lucilla Parisi - potrebbero essere un inizio, ma con i Piccoli Comuni protagonisti di questa svolta. Iniziare dalle CER per allargarsi alle Green Communities. Noi abbiamo iniziato». Visti i risultati di Roseto Valfortore, c’è da crederle: su iniziativa del Comune di Roseto Valfortore si è, infatti, costituita la prima Comunità Energetica Rinnovabile della Puglia.𝙂𝙖𝙗𝙧𝙞𝙚𝙡𝙡𝙖 𝘿𝙚𝙗𝙤𝙧𝙖 𝙂𝙞𝙤𝙧𝙜𝙞𝙤𝙣𝙚Per leggere con più calma, approfondire e vedere altre foto:piccolicomuniwelcome.it/cer-comunita-tra-sole-e-vento/ ... See MoreSee Less
View on Facebook
Fra poco, alle 15.30, due Sindaci della nostra Rete del Welcome saranno a Roma a presentare le loro comunità energetiche.Roseto Valfortore - I Borghi più Belli d'Italia e Comune di Biccari (Fg), con i Sindaci Lucilla Parisi e Gianfilippo Mignona.--Francesca Troiano Alfonso Pecoraro Scanio ... See MoreSee Less
View on Facebook
A Sassinoro il Bar Centrale ha riaperto dopo anni.Grazie alla Cooperativa di Comunità Conlaboro e ad un Sindaco Welcome, Pasqualino Cusano. E grazie ad una accoglienza che parte dal Sistema SAI e unisce chi arriva e chi c'è in un unico progetto: la cura della comunità in cui si sceglie di restare.---Cooperative di comunità Fondazione CON IL SUD Anci Cittalia Bar Centrale Conlaboro #piccolicomuni #welcome #sassinoro ... See MoreSee Less
View on Facebook

Foto Gallery

CONTATTACI

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
Alcune foto pubblicate potrebbero essere state prelevate da internet. Chi fosse titolare dei diritti delle foto e preferisce che siano cancellate, non deve fare altro che scrivere a comunicazione@piccolicomuniwelcome.it, provvederemo immediatamente. Grazie per la comprensione