Seleziona una pagina
Biccari

BISACQUINO

REGIONE

SICILIA

PROVINCIA

PALERMO

ABITANTI

4.159

SINDACO

Tommaso Francesco Di Giorgio

Comune di Bisacquino

Il nome “Bisacquino” ha un’etimologia incerta. Sembra infatti che derivi dal latino “bis-acqua”, ovvero “molto acquoso”, ma potrebbe anche derivare dall’arabo “busekin”, cioè “padre del coltello”.

L’origine del borgo è incerta. Alcune testimonianze risalenti agli albori della storia ritrovate nella zona sembrano risalire al periodo protostorico, a circa 8000 anni fa. Di certo si sa solamente che il territorio che circonda il paese è stato abitato, nel corso dei millenni, da Sicani, Greci, Cartaginesi, Elimi, Romani e Saraceni.
Il centro storico del paese ricorda, nelle sue espressioni architettoniche e urbanistiche, le radici di matrice araba che fanno parte della sua storia.

Il nome Parco o S.M. D’Altofonte è già presente nella cartografia del geografo francesce Guillaume Delisle del 1717.

I Comuni del Welcome

Monumenti e luoghi di interesse
Per gli amanti delle escursioni nella natura, la rete sentieristica sicana è un’occasione unica per ammirare il patrimonio paesaggistico della zona. Si tratta di una rete di sentieri dedicati all’escursionismo e al trekking che collega i centri abitati con le quattro riserve naturali del territorio, attraversando paesaggi mozzafiato e borghi incantevoli, toccando masserie, aree archeologiche, castelli, eremi, mulini e conventi. I sentieri conducono anche ai rifugi che l’Azienda Foreste mette a disposizione per poter pernottare all’interno delle riserve. La vita del borgo è scandita da feste e manifestazioni che riportano ancora oggi alla luce le antiche tradizioni e la cultura locale.
Enogastronomia, arti e mestieri

Tipici della cucina locale sono i savoiardi, biscotti a base di farina, uova e zucchero, ma anche le “paste nere”, preparate con farina, mandorle macinate e zucchero, e la “pignoccata”, a base di mandorle intere e miele fuso, che si prepara soprattutto per la festa di San Giuseppe, il 19 marzo.

Il prodotto che più caratterizza la tavola di Bisacquino è rappresentato dalla cipolla “Busacchinara”, biotipo coltivato esclusivamente in questo territorio: si tratta di una cipolla dalla forma rotondeggiante ma schiacciata ai poli, rosso-violacea e spesso caratterizzata da venature biancastre. Per omaggiare la qualità di questo prodotto negli ultimi anni si festeggia la Sagra della cipolla Busacchinara, intorno a ferragosto, quando si preparano e offrono in degustazione piatti cucinati con questo particolare tipo di ortaggio.

Share This