Seleziona una pagina

chi SIAMO

La nostra storia

In Italia nel 2018 le sirene suonano per indicare la coesistenza di due grandi allarmi sociali, in parte fusi ed in parte scissi: la povertà sempre in aumento e lo spopolamento progressivo dai piccoli comuni. Le cifre ufficiali parlano di circa 8 milioni di persone in povertà relativa e 4 milioni di persone in povertà assoluta , i comuni che nel breve periodo hanno una grande probabilità di estinguersi sono circa 3000, su poco meno di 8000. Più di un terzo della nostra democrazia municipale rischia di scomparire o di trasformarsi profondamente nei prossimi anni.

Tanti giovani, troppi, hanno smesso di studiare o di cercare il lavoro, il 27% dei giovani italiani, il 12% in più rispetto alla media europea. 2 milioni e mezzo di ragazzi tra i 14 ed i 29 anni per i quali il futuro o è una dimensione ininfluente nelle scelte di vita dell’oggi o è una minaccia a cui è meglio non pensare e da non guardare negli occhi.

Gli antropologi concordano nel dire che viviamo una fase di transizione, dovuta a più fattori, economici, politici e culturali, che sta arrecando un enorme carico di disagio esistenziale sui territori.

Viviamo un periodo di cambiamento sociale e politico, in particolare un cambio di paradigma del luogo di lavoro per eccellenza, la “fabbrica”, che alcuni chiamano la “quarta rivoluzione industriale” o impresa 4.0, un luogo produttivo in cui convivono e coesistono sistemi di intelligenza artificiale che governano lo spazio ed il tempo della fabbricazione e della distribuzione, con sistemi di intelligenza umana, sempre più critica e creativa, che governano, orientano e controllano le macchine dell’intelligenza artificiale più come maestri di orchestra che come operai addetti alla produzione.

Viviamo una fase sociale e culturale che viene definita post-modernità, per indicare solo le certezze che si sono perse o che rischiano di perdersi (il reddito , la classe media, il lavoro stabile, la ricchezza agricola, il sistema pensionistico del secondo dopoguerra, la solidità dei legami comunitari) ma che ancora non dice nulla delle possibilità di risalita e di miglioramento all’orizzonte.

Il cambiamento sociale e politico in atto è certamente condizionato in profondità e nelle radici stesse del cambiamento, dalla emersione di “un nuovo continente”, apparso in forma stabile ma ancora progressivamente in emersione e costruzione nel XXI secolo, il web. Un luogo “fisico” che come un nuovo mondo attrae milioni, miliardi di persone nella sua occupazione.

Come i pilgrims che salparono dall’Inghilterra per fondare una nuova civiltà nel Nord America, oggi il web è la terra in cui approdano gli abitanti della terra da ogni angolo del pianeta e dove nascono relazioni umane nuove, partiti nuovi, consumi nuovi, economie nuove, nuove forme del potere violento e della democrazia non violenta.

La rete digitale è stata ed è certamente un motore nuovo di dialogo, di democrazia , di avvicinamento dei popoli e delle persone , di riduzione dell’isolamento spazio temporale per le periferie del mondo e le persone “periferiche”, come gli anziani ed i giovani residenti lontani dai grandi centri di interesse, ma non si profila ad oggi quale possibile risoluzione per l’uscita dal disagio esistenziale diffuso. Non è raro il caso che invece ne diventi un amplificatore tecnologico.

Nello spazio etereo e reale dei social si urla, si grida, si denuncia, si riflette, si scambiano preghiere e saluti molto di più di quanto si faccia nelle piazze reali. La relazione online sembra essere molto più vivace e frequente delle relazioni offline.

Mentre lo spopolamento prosegue indisturbato a spegnere la luce di migliaia di comunità vive fino a soli 20 anni fa, le parole e le immagini popolano le piazze virtuali al punto da generare confusione tra sogno e realtà, come uno stato onirico permanente.

C’è molta gente online, ma in Italia nel 70% dei suoi municipi concreti le persone, ed i giovani in testa, sembrano progressivamente scomparire.

La recessione degli ultimi anni, dalla grande crisi del 2009 in poi, ha sconvolto le economie locali rendendole ancora più ininfluenti e marginali rispetto al mercato globale. La perdita progressiva dei posti di lavoro, quasi 1 milione e 200 mila tra il 2008 ed il 2014, ha contribuito non poco all’emergere dei Neet, di quei giovani che hanno smesso di studiare o di cercare lavoro perché hanno smesso di cercare il futuro.

Di fronte al disagio diffuso se i corpi sociali sono ancora vivi e vivaci ci si indigna, si prova rabbia e la rabbia è uno dei frutti della speranza ci ricorda Sant’Agostino.

La rabbia è energia pura, è la prima marcia interiore che il nostro essere biologico ed emozionale inserisce nel suo motore per avviare la reazione ad una ingiustizia. In politica la rabbia è anche la moneta che tutti i partiti possono incassare a buon mercato anche senza un vero progetto di investimento, è un motore potente che può permettersi di girare a folle per far sentire la forza e la potenza del suo rumore, anche se non ha progettato ancora il viaggio.

Il coraggio, l’altro figlio della speranza, è un gioco di squadra che organizza la rabbia, la ripulisce, per rivolgerla verso possibili cambiamenti duraturi .

Per agire la speranza ci vuole il coraggio, il coraggio di non rimanere immobili, di non entrare in una curva a tifare ma di scendere in campo a giocare, ci vuole l’energia per urlare qualcosa di vero e in una piazza vera e la fantasia per inventare qualcosa di nuovo.

“Ventotene”, il Camper del Welcome è un esercizio di speranza, su strada.

Il Team

Angelo Moretti

Referente della Rete dei Piccoli Comuni del Welcome e Presidente Sale della Terra

Gabriella Debora Giorgione

Direttore Comunicazione Rete dei Piccoli Comuni del Welcome

Filomena Costanzo

Segretario Amministrativo Rete dei Piccoli Comuni del Welcome

CONTATTACI

14 + 3 =

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Share This