<Hanno fatto 𝒂𝒓𝒓𝒆𝒗𝒐𝒕𝒂𝒓𝒆 Pietrelcina”, uno dei Piccoli Comuni Welcome della Rete “Sale della Terra”>: così ha commentato, a caldo, Angelo Moretti, il nostro Presidente, riconoscendo che <Hanno vinto con la tenacia, con l’amore per la propria Comunità e con la Bellezza di chi come unico scopo ha quello di restituire, rigenerato, un bene comune>.

La nostra Cooperativa di Comunità ILEX ha inaugurato ‘𝐚 𝐑𝐞𝐯𝐨𝐭𝐚, l’Eco-parco nella Villa Comunale del “paesello di Padre Pio”, come viene chiamato, e guidato dal Sindaco Domenico Masone.Una villa in disuso da anni, un gruppo di giovani con idee innovative, volenterosi di migliorare la propria terra, in cui hanno scelto di restare, ed una comunità che ha rivolto prima l’orecchio, la curiosità, e poi le mani, il supporto, alle ambizioni di queste persone.

Così è nata l’idea di realizzare un eco-villaggio, basato sulla sostenibilità ambientale e relazionale, all’interno della vecchia villa comunale (abbandonata dalla terribile alluvione che colpì Benevento nel 2015), recuperando e mettendo a nuovo alcuni vecchi spazi già presenti, come il chiosco, le aree giochi e pic-nic, e creando nuovi servizi, come uno spazio dedicato a laboratori ed eventi, e la realizzazione di un parco avventura a tema con percorsi aerei a diverse altezze.

Una cooperativa i cui soci sono giovani autoctoni e migranti, accolti nel progetto SAI “Sale della Terra” Pietrelcina (Sistema Accoglienza Integrazione), il cui vero punto di forza è la forte sinergia con le associazioni locali e la comunità, ed il sostegno della Rete di Economia Civile “Sale della Terra” e della Rete “Piccoli Comuni del Welcome”, che ne hanno supportato la nascita, grazie anche al sostegno di Fondazione CON IL SUD.

La tenacia dei componenti di ILEX è stata chiara sin dalla nascita della cooperativa, legata indissolubilmente alla partecipazione al “Bando Coopstartup Rigeneriamo Comunità”, di Legacoop Nazionale, emanato in partnership con Banca Etica e Fondazione Finanza Etica, e mirato a dare una risposta concreta allo spopolamento dei luoghi e al degrado degli spazi, favorendo la cooperazione ed il coinvolgimento delle comunità.

Soltanto 25 progetti su 145 partecipanti sono passati alla seconda fase, tra cui quello di Ilex, che poi quella selezione l’ha vinta.

“Dopo il lungo lavoro di formazione, studio, progettazione e promozione territoriale, finalmente vediamo il nostro progetto venire alla luce!” – commenta così l’inizio dei lavori Valeria Faiella, presidente di Ilex – “La felicità è tanta e ci dà lo sprint per affrontare le sfide che ancora ci attendono fino alla realizzazione di altri progetti che abbiamo in cantiere. La gioia più grande è quella di poter offrire, attraverso la rivalorizzazione del patrimonio comune, occasione di reinserimento lavorativo e di aggregazione sociale!”

(𝒈𝒂𝒃𝒓𝒊𝒆𝒍𝒍𝒂 𝒅𝒆𝒃𝒐𝒓𝒂 𝒈𝒊𝒐𝒓𝒈𝒊𝒐𝒏𝒆)

Share This