Quasi otto milioni di pezzi venduti col progetto della società benefit Next Social Commerce srl. Consorziate e riconvertite 36 aziende. Per conservare i posti creati si stanno studiando manufatti sanitari di qualità e rispettosi dell’ambiente

di Giulio Sensi su Corriere

Le hanno chiamate Social Mask, ne sono state prodotte quasi 7,8 milioni, hanno avuto un impatto sull’ambiente più che dimezzato rispetto a quelle monouso ed hanno permesso un impiego a più di 100 persone, quasi la metà soggetti con difficoltà di inserimento lavorativo. L’impresa del Distretto Diffuso delle mascherine sostenibili e lavabili fino a dieci volte è nata un anno fa con l’esplodere della pandemia e si sta trasformando in qualcosa di ancora più grande.

«La nostra ambizione adesso – commenta Luca Raffaele, presidente di Next Social Commerce srl società benefit e coordinatore del progetto…

CONTINUA A LEGGERE SU CORRIERE.IT

Share This